Impianto lavaggio esterno cassa

Per il lavaggio della parte esterna di treni, tram e metropolitane.

A passaggio

Per lavare treni completi e convogli metropolitani, che transitano a velocità controllata attraverso l’impianto.

[per saperne di più][nascondi dettagli]

L’impianto consente di lavare treni che vi transitano a velocità controllata in un senso di marcia o in entrambi, a seconda del layout del deposito in cui viene installato . È adatto al lavaggio di treni completi e di convogli metropolitani.

Sulla platea sono installate le diverse postazioni di lavaggio che vengono controllate attraverso sensori ruota, in modo da attivarle solamente quando necessario e quindi garantire un risparmio di acqua ed energia.

Ogni impianto viene progettato e realizzato sulla base delle esigenze del cliente; tuttavia, per garantire un buon risultato di lavaggio sono consigliate almeno le postazioni di prebagnatura, spruzzatura del detergente, lavaggio a spazzole verticali e risciacquo finale con acqua addolcita.

L’impianto può essere completato inserendo una stazione di risciacquo finale che preveda l’utilizzo di acqua osmotizzata, una stazione di spazzolatura del detergente o una per il lavaggio del fronte e del retro del treno.

Nell’impianto può essere integrato un sistema di lavaggio del sottocassa.

Il sistema di controllo, i serbatoi, le pompe e tutti i componenti necessari per la gestione dell’impianto sono installati in un locale tecnico, che può essere realizzato sul posto in muratura oppure fornito prefabbricato.

Il sistema di supervisione e controllo, realizzato tramite PLC, consente la gestione sia locale sia remota dell’impianto. La connessione può essere realizzata tramite Modem, connessione LAN, WI-FI o via cavo. L’utente colloquia con il sistema tramite una facile interfaccia grafica ed è possibile produrre report ed esportare dati in formato EXCEL od inviarli attraverso email.

Portale Mobile

Per lavare locomotori, singole carrozze o composizioni di rotabili di lunghezza limitata, posizionati su apposita platea.

[per saperne di più][nascondi dettagli]

L’impianto di lavaggio a portale mobile consente di lavare locomotori, singole carrozze o composizioni di rotabili di lunghezza limitata, posizionati su apposita platea e può essere installato in capannoni o locali chiusi.

Il portale si muove longitudinalmente su rotaie proprie o sorretto da una struttura reticolare. Può essere dotato di un numero variabile di spazzole a seconda delle esigenze del cliente, a partire da un minimo di due spazzole verticali per la pulizia delle fiancate, fino a quattro spazzole verticali, due spazzole per il lavaggio della carena ed una spazzola orizzontale per il lavaggio di tetto, fronte e retro.

Sul portale può essere installato un circuito ad alta pressione funzionante ad acqua calda o fredda per il lavaggio dell’imperiale e/o della parte esterna del rodiggio.

Il sistema di controllo, i serbatoi, le pompe e tutti i componenti necessari per la gestione dell’impianto sono installati in un locale tecnico, che può essere realizzato sul posto in muratura oppure fornito prefabbricato.

Il sistema di supervisione e controllo, realizzato tramite PLC, consente di definire in loco programmi specifici di lavaggio, a seconda del tipo di rotabile. La gestione remota dell’impianto può essere realizzata tramite Modem, connessione LAN, WI-FI o via cavo. L’utente colloquia con il sistema tramite una facile interfaccia grafica ed è possibile produrre report ed esportare dati in formato EXCEL od inviarli attraverso email.

Nell’impianto può essere integrato un sistema di lavaggio del sottocassa mobile.

Semiportale mobile

Per lavare locomotori, singole carrozze o composizioni di rotabili di lunghezza limitata, posizionati su apposita platea, in presenza di alimentazione aerea.

[per saperne di più][nascondi dettagli]

L’impianto consente di lavare locomotori, singole carrozze o composizioni di rotabili di lunghezza limitata, posizionati su platea, in presenza di alimentazione aerea. Può essere installato in capannoni o locali chiusi.

Il portale si muove longitudinalmente su rotaie proprie o sorretto da una struttura reticolare. Può essere dotato di un numero variabile di spazzole a seconda delle esigenze del cliente, a partire da un minimo di due spazzole verticali per la pulizia delle fiancate, fino a quattro spazzole verticali, due spazzole per il lavaggio della carena e due semi spazzole orizzontali per il lavaggio di tetto, fronte e retro.

Il sistema di controllo, i serbatoi, le pompe e tutti i componenti necessari per la gestione dell’impianto sono installati in un locale tecnico, che può essere realizzato sul posto in muratura oppure fornito prefabbricato.

Il sistema di supervisione e controllo, realizzato tramite PLC, consente di definire in loco programmi specifici di lavaggio, a seconda del tipo di rotabile. La gestione remota dell’impianto può essere realizzata tramite Modem, connessione LAN, WI-FI o via cavo. L’utente colloquia con il sistema tramite una facile interfaccia grafica ed è possibile produrre report ed esportare dati in formato EXCEL od inviarli attraverso email.

Nell’impianto può essere integrato un sistema di lavaggio del sottocassa mobile.

Impianto di Lavaggio Sottocassa

Per lavare il sottocassa di locomotori, carrozze ferroviarie, tram e metropolitane.

Fisso

Per lavare il sottocassa di locomotori, carrozze ferroviarie, tram e metropolitane con il treno che si muove autonomamente a velocità controllata.

[per saperne di più][nascondi dettagli]

L’impianto sottocassa fisso è installato all’interno della platea di lavaggio e consente di lavare ad alta pressione il sottocassa ed il rodiggio di treni che si muovono autonomamente a velocità controllata.

È costituito da una rampa ad ugelli fissi per irrorare il detergente, una rampa ad alta pressione per lavare ed una ulteriore ed opzionale rampa per la sanificazione del rotabile.

Per una maggiore efficacia di lavaggio gli ugelli fissi della rampa di lavaggio possono essere sostituiti con teste rotanti.

Le rampe possono essere alimentate con acqua fredda o calda – soluzione consigliata considerando la tipologia di sporco. In tal caso è caldeggiato l’inserimento di un addolcitore sulla linea di alimentazione della caldaia.

Il sistema di controllo, i serbatoi, le pompe, la caldaia e tutti i componenti necessari per la gestione dell’impianto sono installati in un locale tecnico, che può essere realizzato sul posto in muratura oppure fornito prefabbricato. Sono possibili diverse soluzioni per l’alimentazione della caldaia a seconda del combustibile presente in officina.

Il sistema di supervisione e controllo, realizzato tramite PLC, consente di definire in loco programmi specifici di lavaggio, a seconda del tipo di rotabile. La gestione remota dell’impianto può essere realizzata tramite Modem, connessione LAN, WI-FI o via cavo. L’utente colloquia con il sistema tramite una facile interfaccia grafica ed è possibile produrre report ed esportare dati in formato EXCEL od inviarli attraverso email.

L’impianto può essere integrato in tutti gli impianti di lavaggio esterno cassa a passaggio.

Mobile

Per lavare il sottocassa di locomotori, carrozze ferroviarie, tram e metropolitane con il treno fisso.

[per saperne di più][nascondi dettagli]

L’impianto sottocassa mobile è installato all’interno della platea di lavaggio e consente di lavare ad alta pressione il sottocassa ed il rodiggio di treni fermi in platea.

E’ costituito da una rampa ad ugelli fissi per irrorare il detergente e da teste rotanti montate su un carrello mobile, che avanza su guide, sotto il rotabile. E’ possibile variare la velocità di avanzamento del carrello per concentrare l’azione dei getti dove maggiormente richiesto.

Il carrello è dotato di rampe per il lavaggio della fossa al termine del ciclo o del turno lavorativo.

Le teste rotanti possono essere alimentate con acqua fredda o calda – soluzione consigliata considerando la tipologia di sporco. In tal caso è caldeggiato l’inserimento di un addolcitore sulla linea di alimentazione della caldaia.

Il sistema di controllo, i serbatoi, le pompe, la caldaia e tutti i componenti necessari per la gestione dell’impianto sono installati in un locale tecnico, che può essere realizzato sul posto in muratura oppure fornito prefabbricato. Sono possibili diverse soluzioni per l’alimentazione della caldaia a seconda del combustibile presente in officina.

Il sistema di supervisione e controllo, realizzato tramite PLC, consente di definire in loco programmi specifici di lavaggio, a seconda del tipo di rotabile. La gestione remota dell’impianto può essere realizzata tramite Modem, connessione LAN, WI-FI o via cavo. L’utente colloquia con il sistema tramite una facile interfaccia grafica ed è possibile produrre report ed esportare dati in formato EXCEL od inviarli attraverso email.

L’impianto può essere integrato in tutti gli impianti di lavaggio esterno cassa a portale e a semiportale mobile.

Opzioni

Ogni impianto è adattabile secondo le diverse necessità di spazio e lavaggio o secondo le specifiche esigenze del cliente.

Sistema di depurazione

Per ridurre il consumo di acqua pulita e minimizzare l’impatto ambientale dell’impianto.

[per saperne di più][nascondi dettagli]

Gli impianti di lavaggio necessitano di elevati quantitativi di acqua. Raimondi S.r.l. ha da sempre progettato i propri impianti con un’attenzione particolare al contenimento dei consumi ed al riciclo dell’acqua utilizzata per il lavaggio, arrivando a riutilizzare l’80% dell’acqua impiegata.

Se la struttura in cui è inserito l’impianto non è dotata di un impianto di depurazione centralizzato viene proposta l’aggiunta di un impianto di depurazione chimico fisico o biologico.

In questo modo si assicura un notevole risparmio dell’acqua di rete e l’immissione in fogna di acque conformi ai limiti di legge.

Sistema di supervisione e controllo remoto dell'impianto

Il software di gestione sviluppato dalla Raimondi S.r.l. consente il monitoraggio continuo ed in tempo reale degli impianti di lavaggio.

[per saperne di più][nascondi dettagli]

Il software di gestione sviluppato dalla Raimondi S.r.l. consente il monitoraggio continuo ed in tempo reale degli impianti di lavaggio.

In tal modo gli eventuali malfunzionamenti sono immediatamente intercettati con possibilità di diagnosi e soluzione a distanza delle cause che li hanno provocati.

La memorizzazione storica degli allarmi permette inoltre di analizzare gli inconvenienti registrati facilitando la realizzazione degli interventi di manutenzione.

Se realizzato attraverso connessione LAN o ADSL il sistema di supervisione permette la modifica da remoto del software di gestione per una manutenzione più efficace.

Con tale software è possibile realizzare, scaricare o inviare via email i report relativi ai lavaggi effettuati, ai consumi di acqua, detergente ed energia ed agli allarmi, per un monitoraggio costante dei consumi e del funzionamento dell’impianto.

Per consentire il controllo remoto dell’impianto è necessario collegare il server installato all’interno del locale tecnico ad una rete informatica rendendo possibile il controllo remoto dello stato dell’impianto.

La connessione remota può essere realizzata in quattro diverse modalità in funzione delle diverse esigenze tecniche ed applicative:

1. via modem
2. tramite connessione WI-FI
3. tramite connessione LAN
4. via cavo

Le soluzioni di collegamento adottate variano a seconda delle esigenze del cliente e delle caratteristiche del luogo dove è installato l’impianto.

Connessione via modem

Tale connessione è realizzata tramite linea telefonica dedicata o commutata e consente il controllo remoto completo dell’impianto, inclusa la possibilità dell’accesso al PLC da parte dei tecnici della Raimondi S.r.l.
Lo schema del collegamento è il seguente:

Connessione WI-FI

Con questo tipo di connessione tutti i segnali dell’impianto possono essere replicati a distanza. Pertanto è possibile monitorare lo stato e le funzionalità dell’impianto da una postazione remota posta in altra ubicazione nell’ambito della rete WI-FI. L’accesso remoto può essere realizzato utilizzando un browser internet standard.
Con tale connessione è possibile monitorare l’impianto.

Connessione LAN

Con tale tipo di connessione il PLC si colloca all’interno di una rete VPN e può essere raggiunto dagli utenti abilitati consentendo la realizzazione di svariate applicazioni di monitoraggio a distanza.

Connessione via cavo

Con tale connessione l’impianto può essere controllato a distanza tramite una console remota connessa al quadro di commando e controllo. L’utente abilitato può gestire i parametri dell’impianto come se utilizzasse il pannello di comando posto all’interno del locale tecnico. Compatibilmente con i parametri di sicurezza gestiti dall’impianto è possibile controllare le singole postazioni dell’impianto di lavaggio

Ottimizzazione della soluzione da adottare

Il Sistema di Supervisione realizzato dalla Raimondi S.r.l. può essere installato su ciascuna tipologia di impianto previa un’analisi dettagliata e preliminare delle diverse esigenze di chi controlla il funzionamento dell’impianto.

Impianti di trattamento acque

Per migliorare la qualità del lavaggio è possibile dotare tutti gli impianti di sistemi che migliorino la qualità dell’acqua, riducendo il contenuto di calcare e di sali disciolti.

[per saperne di più][nascondi dettagli]

Per evitare la formazione di residui biancastri sulla superficie del treno e dei rotabili lavati è possibile abbinare ai nostri impianti un addolcitore o un impianto di produzione acqua ad osmosi inversa.

Per la costituzione della soluzione di lavaggio con il detergente, per il risciacquo finale dei rotabili e per l’alimentazione con acqua calda delle teste rotanti, in modo da evitare la deposizione di calcare ed il conseguente grippaggio delle teste si consiglia l’utilizzo di un addolcitore. Attraverso lo scambio ionico con le resine esso permette infatti di ridurre la durezza dell’acqua.

Un impianto di osmosi inversa permette di eliminare quasi completamente i sali disciolti in acqua. Un risciacquo finale con acqua osmotizzata assicura il miglior risultato finale per una superficie priva di qualsiasi residuo.